Tra i 4-5 mesi i bambini iniziano ad esplorare la distanza tra se e l’altro e le loro manine sono le protagoniste in questo fare. La necessità sensoriale del bambino può essere aiutata ponendo nel suo ambiente di gioco dei cestini bassi contenenti ad esempio piccole bottiglie con materiale naturale dentro che se scosse fanno rumori diversi. Il tappo verrà sigillato con collante dall’interno al fine di mantenere il materiale sicuro.

Un esempio di cestino delle bottiglie sonore

Bottiglie con cous cous, lenticchie rosse e cannolicchi
in seguito possono essere create e aggiunte varianti

Il bambino può esplorare le bottigliette da seduto e da sdraiato sul suo tappeto delle attività, al lato del quale ,su di una mensola bassa ,verrà riposto. È importante che siano presenti pochi oggetti in principio al fine di consentire al bambino la ripetizione dell’esercizio, una sicura coordinazione motoria e una lunga concentrazione. Solo in seguito potranno essere aggiunti elementi.Questo materiale di aiuto allo sviluppo è di facile reperibilità, economico, perfetto per le necessità senso motorio del bambino dai 4-5 mesi.

Personalmente sto sperimentando bottiglie piccole, trasparenti con tappo bianco , di plastica PET (aspetto molto simile al vetro e riciclabile) per garantire la massima sicurezza nell’esplorazione sonora senza la necessità dell’intervento dell’adulto. Questo tipo di plastica consente variazioni sonore molto molto sfumate.

Possono essere usate bottigline in vetro, che consentono una esplorazione del materiale vetro e consentono una meravigliosa esperienza sonora.

È fondamentale che il cestino abbia il suo posto e venga riposto in ordine li ogni qual volta sia terminato l’interesse del bambino. L’ordine dell’ambiente consente al bambino di orientarsi nello spazio e di esplorare, il disordine lo porta a vagare senza trovare nutrimento per i suoi bisogni profondi. Con lo sviluppo del movimento il bambino potrà esercitare la volontà e la scelta nel prendere questo materiale e usarlo.

Buon giocare Alesssandra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *